- -
.

Ritorna al sito
Ritorna alla HOME PAGE

Note storiche

Ogni sette anni le strade di Guardia Sanframondi vedono sfilare centinaia di uomini incappucciati con il petto coperto di sangue, in una mano un crocifisso e nell'altra un disco di sughero con delle punte acuminate mentre davanti e dietro a loro si ode il rumore delle catene di altri gruppi di penitenti.
.
°°°
.
Le notizie storiche della festa risalgono al XVII secolo e parlano di un tradizione antica di alcuni secoli.
Un culto dunque che rimonta all'inizio del Millennio, alle origini stesse del paese ( il castello fù costruito dalla famiglia normanna dei Sanframondo nel 1139). Qui probabilmente fu trasferita, proveniente da una delle tante Badie benedettine del monte Taburno o anche dalla chiesetta di Limata, la statua lignea con Bambino venerata col titolo di Assunta per la quale si fa festa di penitenza settennale.
La tradizione orale spiega dunque le parti più conosciute di queste processioni, i flagellanti e i battenti a sangue, ma poco si conosce relativamente ai dati storici. Molti parlano della sua origine medievale, ma la documentazione probante è poca. I primi documenti certi risalgono al XVII secolo. Essa muta la sua attuale struttura da processioni simili di tipico impianto post tridentino, legato a quello spirito missionario che animò alcuni ordini religiosi del tempo e li spinse ad attraversare prima l'Italia e poi l'Europa per promuovere opere di penitenza e lunghe predicazioni onde ottenere radicamenti nella fede cattolica e conversioni. Oggi a Guardia Sanframondi i caratteri missionari sopravvissuti sono tanti: le due processioni rionali di Penitenza e Comunione; la partecipazione dei Misteri - oltre 100 quadri allegorici con figuranti vivi ed in costume che si richiamano ai dogmi del Cristianesimo o alla vita dei Santi; la predicazione dei Padri Missionari; la statio durante il corteo di penitenza; le funi e le corone di spine portate addosso, come simbolo, da ogni processionante; i penitenti incappucciati che visibilmente si percuotono le spalle con catene di ferro (flagellanti o disciplinanti) oppure il petto con la spugna - il tipico strumento di sughero infisso di numerosi spilli - fino a farlo sanguinare (battenti a sangue).
Da tantissimo tempo gli abitanti di Guardia, e non solo loro, ogni sette anni tributano un omaggio particolare alla loro "Mamma Assunta" con la celebrazione di queste famose processioni che si fanno ogni sette anni.Esse hanno inizio il lunedì successivo il 15 di agosto e durano per una intera settimana, organizzate dai quattro rioni in cui è diviso il paese. Il lunedì inizia la processione il rione Croce, seguito nei giorni successivi da quelle dei rioni Portella, Fontanelle e Piazza (ogni rione fa due cortei processionali infrasettimanali, uno di Penitenza e uno di Comunione). Il sabato c'è la processione del Clero, dei religiosi e delle Associazioni Cattoliche a cui segue la toccante cerimonia di Apertura della lastra dietro cui l'immagine sacra è rimasta per sette anni, e la domenica si snoda la processione generale.In questa processione, che attraversa l'intero abitato e dura l'intera giornata, si porta in processione l'Assunta e fanno penitenza anche quegli "incappucciati" con saio bianco e cappuccio con occhiaie chiamati flagellati e battenti a sangue. Essi sono guardiesi o devoti dei paesi limitrofi che, nell'anonimato, fanno penitenza, i primi percuotendosi con catene di ferro le spalle (Flagellanti o La Disciplina), i secondi colpendo la parte mammaria del petto con uno strumento chiamato "spugna", formato da un pezzo di sughero sul quale sono conficcati numerosi spilli.
Indubbiamente questo tipo di penitenza cruenta colpisce specie chi per la prima volta partecipa a questa festa. In realtà la penitenza è comune a tutti quelli che partecipano al corteo, anche ai tantissimi attori dei Misteri.
Altra cosa poco nota di questi riti è l'esatta motivazione della periodicità settennale. Ne si conosce da quanto tempo è iniziato quest'uso. Queste processioni, nate con il preciso scopo di ottenere grazie e favori - spirituali e materiali - dalla Vergine assunta, originariamente non potevano avere una cadenza prestabilita, quando se ne avvertiva il bisogno ci si rivolgeva alla Piena di Grazia. Quando però si è dovuta organizzare una processione così imponente e complessa, quando i Misteri hanno assunto la preminenza e sono diventati oggetto di profonde ricerche e analisi, allora (e siamo agli inizi di questo secolo ventesimo, quasi certamente) si è pensato a questa cadenza "settennale". Il sette è il numero che ricorre spesso nella bibbia, nel Nuovo e nel vecchio testamento; e anche nella dogmatica cristiana. Per questi motivi, forse, il numero sette ha prevalso quando si è voluta fissare una data precisa nella quale portare la processione dell'Assunta.
Una festa, questa dei Riti di penitenza di Guardia Sanframondi, con implicazioni di carattere religioso, storico, antropologico e sociale. Una festa innanzitutto religiosa che qui, in questo paese del Sannio, ogni sette anni sopravvive in forme tipicamente medievali ma con spirito ecumenico post Vaticano II. Un insieme di elementi fissati dalla tradizione religiosa che continuamente si rinnova nella forma esteriore ma mai nella sostanza. Questa manifestazione vive nel XX secolo perché è viva nella popolazione di Guardia che continuamente la interpreta, la corrobora e la fa fruttificare. Una popolazione sannita fiera che guarda al suo passato, ne è orgogliosa e lo vive a dispetto di ogni miope ottica urbanocentrica.
.
- Testo del dott. Luca Iuliani, autore del libro "Guardia Sanframondi, un paese" -Edizioni Studio Dodici S.c. a r.l.
GALLERIE FOTOGRAFICHE:

- RITI SETTENNALI DI PENITENZA 2003 (Foto di Natalino Russo, tratte dal dal sito Riti Settennali).

- RITI SETTENNALI DI PENITENZA 2010 (Reportage fotografico a cura di Carlo Farinola - Molfetta).
N.B. - Tutte le foto provengono dall' archivio privato del dott. Franco Stanzione ed è vietato riprodurle senza il suo consenso e/o omettendo di citarne la fonte.

Ritorna al sito

Visualizzazioni totali